I primi pedali della bicicletta e delle leve di guida, simile a quello che conosciamo oggi, è stato inventato dal fabbro scozzese Kirkpatrick Macmillan nel 1839. Non era ancora uno che ha brevettato, ma il suo connazionale Gavin Dalzell, che è stato attribuito la creazione per mezzo secolo.

Macmillan bicicletta-di cui una copia presso lo Science Museum di Londra è stato migliorato in seguito da John Boyd Dunlop inglesi, che nell’apparato fine del XIX secolo ottimizzato forma di rotolamento inventando una webcam è conservato e gomma gonfiata con aria e posta sul bordo. La novità ha avuto un tale successo da non essere cambiata da allora.

Molto prima che la bicicletta diventasse pedali popolari, ci sono prove dell’esistenza di alcune macchine rudimentali con alcune somiglianze nell’antico Egitto, in Cina e persino nel territorio dominato dagli Aztechi.

Il primo schizzo su carta di una bicicletta si trova nell’opera “Codice Atlantico”, una raccolta di documenti di Leonardo da Vinci della fine del XV secolo. Nel 1790, il conte francese Mede del Sivrac inventato il celerifero, chiamato anche ‘ruote Horse’, e più tardi, all’inizio del XIX, compaiono altri veicoli a due ruote che escono dal cappello del barone tedesco Karl Drais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu